Barbagia : Aritzo – Meana Sardo

FORZA PARIS

MEANA SARDO: 108 ANNI DI MARIA ANTONIA MANCA


MEANA SARDO. Il Mandrolisai ancora una volta patria di ultracentenari

Nonnina brinda ai 108 anni

Maria Antonia Manca nel gotha della longevità

Tzia Maria conserva ancora la passione per il ballo sardo. Ha festeggiato il traguardo delle 108 candeline con le tre figlie, gli otto nipoti e i dieci pronipoti.

 

MEANA SARDO Sarà l’aria indenne dall’inquinamento e l’alimentazione a base di prodotti genuini, come attestano gli studi avviati dall’Università di Sassari con il progetto Akea (acronimo di A Kent’annos) diretto dal professor Luca Deiana. Sta di fatto che il Mandrolisai, ancora una volta, si rivela patria della longevità. A Meana Sardo qualche giorno fa, precisamente il 10 luglio, è stata festeggiata tzia Maria Antonia Manca, classe 1905 che mercoledì scorso ha spento la bellezza di 108 candeline. Un traguardo importante in questa area della Sardegna spesso penalizzata dall’isolamento, ma che vanta primati da guinness.

TERRA DI CENTENARI Il Mandrolisai ha dato i natali a tanti ultracentenari come tziu Antoni Todde di Tiana, 113 anni, e tzia Rosa Frau di Ovodda 111 anni, entrambi scomparsi, senza dimenticare gli altri centenari del paese di Don Conte. Ora tocca a tzia Maria Antonia che vanta il privilegio di entrare nella cerchia delle persone più longeve della Sardegna.

LA VITA Meanese doc, tzia Maria è nata in una famiglia di umili origini, terzogenita di otto figli: quattro maschi e quattro femmine. Tzia Maria ha visto l’ultima sorella morire una decina di anni fa, all’età di 86 anni. La sua infanzia l’ha trascorsa lontana dai banchi di scuola, proiettata nel mondo del lavoro, ha prestato servizio come domestica in diverse famiglie del paese. Ragazza dal carattere gioviale e allegro, si innamorò di un uomo sette anni più giovane di lei, Luigi Polli, fabbro di professione. La grande differenza di età costituì motivo di attrito con la famiglia di lui che cercò di ostacolare in tutti i modi la loro storia e di separarli.

IL MATRIMONIO Nonostante l’opposizione dei familiari, alla fine la storia d’amore ebbe un lieto fine: Maria e Luigi si sposarono. Dalla loro unione nacquero tre figlie: Sebastiana, Giovanna e Giuseppina. Tzia Maria è rimasta vedova trent’anni fa: il marito è stato stroncato da una grave malattia. Attualmente la nonnina vive a casa della figlia Giuseppina, assistita anche da Giovanna, la sua secondogenita, circondata dalla gioia degli otto nipoti e dei dieci pronipoti.

IL BALLO SARDO Nonostante l’età avanzata tzia Maria è ancora una donna di spirito, accoglie con il sorriso chi passa a farle visita, le piace tantissimo la compagnia della gente e coltiva, acciacchi permettendo, la sua più grande passione: il ballo sardo. Appassionata da quando era una bimba di folklore e tradizioni popolari, è stata una grande ballerina sino a pochi anni fa. «Ancora oggi appena alle sue orecchie giunge la melodia della musica tradizionale scandita dall’organetto – racconta la nipote Luisa – i suoi piedi si muovono al ritmo della danza meanese». Tzia Maria Antonia circondata dall’affetto di parenti e amici ha festeggiato serenamente le sue 108 primavere.

Salvatora Mulas

( L’ UNIONE SARDA 17/07/2013 )

MEANA SARDO: 108 ANNI DI MARIA ANTONIA MANCAultima modifica: 2013-07-17T21:55:00+02:00da amsicora02
Reposta per primo quest’articolo

Categorised as: MEANA SARDO : notizie.



Lascia un commento